Google accessibile

Google Labs ha in cantiere Accessible Web Search for the Visually Challenged, un motore di ricerca per disabili visivi.
Nelle intenzioni non sarà solo una versione ad alta accessibilità di Google, ma un vero e proprio motore di ricerca ideato per ordinare i risultati in base alla loro attinenza alle regole del WAI, mettendo in primo piano quindi i siti internet consultabili facilmente dalle persone con gravi problemi di vista e dai ciechi.

L'iniziativa mi sembra degna di nota e vantaggiosa anche per chi, come me, ama un web funzionale e pulito, senza fastidiosi effetti grafici d'avanguardia o stravolgenti impaginazioni senza capo né coda.

Google Labs Accessibile


Google Labs ha in cantiere Accessible Web Search for the Visually Challenged, un motore di ricerca per disabili visivi.
Nelle intenzioni non sarà solo una versione ad alta accessibilità di Google, ma un vero e proprio motore di ricerca ideato per ordinare i risultati in base alla loro attinenza alle regole del WAI, mettendo in primo piano quindi i siti internet consultabili facilmente dalle persone con gravi problemi di vista e dai ciechi.

L'iniziativa mi sembra degna di nota e vantaggiosa anche per chi, come me, ama un web funzionale e pulito, senza fastidiosi effetti grafici d'avanguardia o stravolgenti impaginazioni senza capo né coda.

Mi sono divertito in un paio di prove, per valutare lo stato di sviluppo e di affidabilità di questo progetto.
Ho cercato la parola “Accessibilità” con questo nuovo motore: mi sarei aspettato di trovare diodati.org o usabile.it tra le primissime posizioni, essendo i due maggiori siti italiani di accessibilità ed essendo strutturati davvero sapientemente.
Eppure, mentre usabile.it occupa una dignitosa quarta posizione, diodati si trova solo all'ottavo posto. Nulla di scandaloso, per carità. Quel che balza all'occhio invece è trovare nella prima posizione html.it che, anche se ha fatto notevoli passi avanti con l'ultimo restyling, non è certo il punto di riferimento per l'accessibilità.
Paragonando questa ricerca con una analoga su Google “normale”, vediamo che html.it conduce in entrambi i casi, usabile.it è addirittura posizionato meglio, scambiandosi posizione con il pur ottimo webaccessibile.org, ma diodati precipita a fondo pagina in decima posizione.

È solo un gioco il mio, senza pretese di giudizio o di indagine. Ho svolto qualche altra ricerca e l'impressione è quella di aver comunque a disposizione un buono strumento.
Cercando “telecom italia” per esempio non c'è traccia tra i risultati, giustamente, del sito della Telecom, mentre con Google “normale” lo troviamo al primo posto.
Per lo stesso principio dovrebbero essere assenti quindi anche tutti i siti internet basati interamente su flash: ne ho cercati alcuni tra quelli che ho realizzato io e invece sono sempre nelle prime posizioni.

Mi gratto la testa ed attendo ulteriori evoluzioni del motore di ricerca.

Risultati della ricerca
Risultati della ricerca