Trilogia delle domande sbagliate

Kalamun dorme

Est-ce que vous voulez?

Vengo svegliato da una ditta di traslochi fuori dalla finestra: non riescono a posizionare il montacarichi. Il primo pensiero è stasera avrò l’esame orale di francese, il secondo è porcamadonna, il terzo è gli dò le chiavi così spostano la mia macchina e si mettono lì.

Scendo dal letto, che essendo soppalcato non è un bel scendere, apro la finestra e chiamo il tizio «Monsieur, monsieur! Est-ce que vous voulez…».
«Ah! Tu es italien c’est vrai? Bbuonggiorrno!»
Son bastate due parole. Il quarto pensiero è stasera l’esame andrà malissimo.


Il pianeta giusto

Esistono altre forme di vita?

L’esame consiste in una presentazione a piacere di fronte alla classe, seguirà dibattito.
Per una serie di noiose passioni ho scelto di parlare dell’universo. Accendo la colonna sonora di Star Wars come sfondo musicale e illustro l’immensità del cosmo, la teoria dell’inflazione e la futura morte del nostro sistema solare. Va tutto alla grande con qualche battuta e qualche effetto speciale.

Segue dibattito, attendo domande dal pubblico, che arrivano ma non quelle che vorrei: chiedono tutti se c’è vita in altri pianeti. Ma porca vacca, che domanda è? Ti ho spiegato la materia e l’energia oscura, la distorsione del tempo sulla gravità, la fine certa dell’umanità, i dubbi scientifici sull’essenza pura della vita, et toi, bon Dieu, tutto quello che vuoi chiedermi è se esistono gli alieni?

Poi la prof dice bella presentazione, anche se preferisce i temi di opinione così nascono discussioni. Bastava che uno mi chiedesse E in tutto questo Dio dov’è? Altro che discussione.
La gente non sa chiedere.


RATP merde criticalmass velib velo bicycle

Potete spostare l’auto?

No, stavolta non sono i manovali. Sono io che all’uscita da scuola ho deciso di darmi alla rissa coi madrelingua.
L’auto della RATP è ferma per l’ennesima volta sulla pista ciclabile, mentre la scavalco urlo agli scimmioni in divisa Bravi bel parcheggio!
Sono agenti della metro grandi tre volte me, uno di loro starnazza Quoi, quoi? Ci sono dei problemi?
Problemi? No. C’è un bel voto in francese che mi consente di fermarmi a dire a voi cinque Village People che l’auto è in mezzo ai coglioni come sempre. Si ringalluzziscono, gonfiano la coda e rispondono E allora, cosa pensi di fare?
Bene, chiamo la polizia, dico loro.

Mi sposto all’incrocio e, culo, passa un’auto della polizia. La inseguo in bici e al primo semaforo l’affianco. Spiego ai poliziotti che c’è un’auto sulla ciclabile e il conducente non vuole toglierla, potete venire?
Sorrisino ebete del poliziotto, sì sì dopo arriviamo - ehi dico veramente - sì, ti ho detto che dopo arriviamo, verde, sgasano via. Li guardo come Will il coyote guarda Beep beep.

Domande sbagliate.
Dovevo chiedere loro se esistono forme di vita intelligente nell’universo, perché qui sotto è pieno di imbecilli.
(questa è di Monty Python)