Una delle cose più difficili del mio lavoro

Quale lavoro?

Una delle cose più difficili del mio lavoro,

Quale lavoro?


eh hai ragione, faccio troppe cose poi uno perde il filo, dicevo una delle cose più difficili del fare il grafico

Ehi aspetta, quello non è un lavoro


come no?
Superata la pubertà mi son dato delle regole: se ti pagano è un lavoro, se non ti pagano è o una passione o una rottura di coglioni. A me mi pagano per fare il grafico, quindi è un lavoro.

Se non ti sporchi le mani e non hai un piano quinquennale non è lavoro


dai Trotsky, piantala di fare il vecchio.

La vecchiaia è la cosa più inattesa che può capitare a un uomo


ok, questa te la metto su Wikipedia. Mo mi lasci finire il mio discorso?

Dicevo che una delle cose più difficili del mio lav... del fare il grafico è che certe volte ti metti al computer per ore ed ore, ci perdi gli occhi, raddrizzi curve di Bézier

Non tirarmi in ballo ti prego


(scusa, mi servivi per il page-rank) scegli colori e li cambi decine di volte, scegli font che stiano bene insieme, cerchi di dare un equilibrio d'insieme, soppesi gli spazi di respiro e...

So già cosa stai per dire


cosa? sentiamo

Che la classe operaia non è abbastanza colta per apprezzare il tuo genio


no, hai sbagliato. E non è la prima volta che sbagli.
Volevo dire che poi arrivi alla fine che sei contentissimo, entusiasta e vorresti pubblicare subito tutto su facebook per esaltare il tuo ego ma non puoi perché qualcuno ti ha pagato per essere lui il primo a spifferare il tuo lavoro, per usarlo inedito da qualche parte.
E allora sommessamente salvi, spedisci via e-mail e aspetti che qualcuno posti su facebook "ecco il nostro nuovo logo, vi piace?" e raccolga al tuo posto le lodi e i like.


Commovente.

Sempre meglio che iniziare un lavoro e non finirlo, comunque.