Minimalismo (del nuovo sito)

È circa un anno e mezzo che lavoro al mio nuovo sito, e finalmente eccolo. Non che mi ci sia voluto un anno e mezzo di lavoro, ma ho cambiato moltissime volte strada e riflettuto a lungo su tendenze e sensazioni, ricominciando più volte da capo.

Ora sono felice del risultato. Ho lavorato per sottrazione, con un approccio minimalista. Amo il minimalismo anche se non sono mai riuscito ad esprimerlo in pieno perché spesso mi faccio tentare dalle mode passeggere del web-design.
Ad esempio, adesso che esistono HTML5 e CSS3, tutti si buttano a realizzare soluzioni pessime di usabilità e design solo perché alcuni browser consentono di inclinare le immagini o di mettere le ombre sotto al testo.
Io ho preferito chiudere gli occhi e provare ad immaginarmi una realtà slegata dal presente. Non sempre è il miglior approccio, ma credo che in questo caso lo sia.

Tuttavia, c'è una cosa che mi ha spiazzato: in questo nuovo sito, alla sezione notizie, ora si vedono tutte le cose che ho scritto dal 2005 ad oggi. È racapricciante. Mi sono reso conto prove alla mano di quanto io sia cambiato in questi anni. Certa roba, andrebbe cancellata certa roba, se l'ho lasciata è solo per dovere di cronaca. E anche un po' perché in fondo mi diverte, che son felice d'esser cambiato.