Perdersi a Bologna

Tanto per dimostrare che non è che invecchiando necessariamente si migliora.
L'altro giorno dovevo andare da un cliente a Bologna. Bologna è grande che non c'è paragone con Brisighella, Premilcuore o quei paesini lì.


Tanto per dimostrare che non è che invecchiando necessariamente si migliora.
L'altro giorno dovevo andare da un cliente a Bologna. Bologna è grande che non c'è paragone con Brisighella, Premilcuore o quei paesini lì. Tanto grande che c'ha più di una uscita autostradale.
Io son partito da Ravenna senza navigatore, senza cartine e senza nemmeno l'indirizzo. Avevo giusto l'indicazione di uscire all'uscita Fiera e non a quella San Lazzaro. Io son partito da Ravenna ma oh, ero convinto anche di trovarlo 'sto posto!
Fattosta che sono uscito a Bologna Fiera che ero perfettamente puntuale, ho svoltato a caso per un paio di svincoli e solo allora, immerso nel traffico Bolognese, mi son reso conto che non avevo speranza.

Ho chiamato allora la ditta, che m'han detto di andare in via San Donato, e mi hanno anche dato qualche indicazione stradale per orientarmi. Solo che io andando a zonzo ho visto un cartello con scritto “M. Donati” e mi son convinto che era quella la direzione e l'ho seguito per un po', beatamente come un beato deficiente.

A questo punto non tornava più nulla, ed ho chiamato ancora un paio di volte in ditta per farmi aiutare, che questi si saran detti Ma proprio a noi l'unico informatico senza navigatore?
Per puro culo ho incrociato via San Donato, e mi ci sono infilato, ovviamente prima in direzione sbagliata e poi, dopo aver chiamato la ditta che mi ha ricordato il loro civico che io m'ero già dimenticato di nuovo, finalmente in direzione giusta.
Sono arrivato con quarantacinque minuti di ritardo.

Dunque sappiatelo con chi avete a che fare. Che qualche difetto ce lo devo avere pure io.

In tutto questo volevo anche ricordare la Strage di Bologna, avvenuta il 2 agosto 1980.
Ho pensato che uno come me, anche avesse voluto, non avrebbe mai potuto fare una cosa simile.